Di C.G.Jung Ricordi sogni riflessioni è un testo fondamentale per chi vuole conoscerlo non solo come studioso, psicoanalista, scrittore, ma anche come uomo, con le sue debolezze, sicurezze, insicurezze, sogni. I suoi ricordi ripercorrono una delle storie più appassionanti della cultura inizio 900, abbracciando il rapporto con Freud, la scoperta e l’adesione alla psicoanalisi, il successivo allontanamento, la scoperta degli archetipi e dell’inconscio collettivo.

jung ricordi sogni riflessioni-

jung ricordi sogni riflessioni-

Il testo C.G.Jung Ricordi sogni riflessioni, si può considerare una sorta di eredità culturale e storica del grande maestro  studioso di miti e di sogni.

Vi sono riportati episodi della sua vita, i suoi pensieri le  scoperte nell’ambito di  struttura della personalità, dei Sè psichici che la compongono  la scoperta di anima ed animus oltre a naturalmente al  suo ricordo di Freud e degli avvenimenti che ne segnarono l’amicizia, la collaborazione ed inseguito il distacco.

 

 

C.G Jung Ricordi sogni riflessioni  è il solo scritto in cui Jung parla di Dio e della sua personale esperienza con il divino.   Ecco ciò che riporta la presentazione del libro  di C.G.Jung Ricordi sogni riflessioni

Dalla prefazione a C.G.Jung Ricordi sogni riflessioni

C.G.Jung Ricordi sogni riflessioni  è curato di Anjela Jaffè,  allieva di Jung,che sotto dettatura  raccoglie ed organizza i  pensieri  e i ricordi del maestro, in una sorta di grande seduta psicoanalitica  in cui Jung riflette, riesamina, ripensa, rivede la sua vita e se stesso.

Durante il  congresso  di Eranos del  1956  l’editore zurighese Kurt Woolf ebbe l’idea di pubblicare una biografia di Jung  pur  sapendo che egli l’avrebbe scritta solo a patto di poterla dettare ad un suo allievo. La proposta venne fatta  ad Anjela Jaffè, allieva di Jung che così parla di questa esperienza:

“Cominciammo nella primavera del 1957. Si era convenuto di  non scrivere il libro come una “biografia” ma come una vera e propria “autobiografia” narrata da Jung stesso.

Questo accordo determinò la forma del libro, e il mio principale compito consisteva unicamente nel porre domande e nell’annotare le risposte. Jung, benché dapprincipio fosse piuttosto reticente, si appassionò presto al lavoro, e cominciò a raccontare di sé stesso, della sua evoluzione, dei suoi sogni e dei suoi pensieri con un interesse crescente…..

Durante gli anni nei quali  il libro veniva a mano a mani prendendo corpo, in Jung aveva luogo anche un processo di trasformazione  e di obiettivazione. A ogni nuovo capitolo egli quasi andava realizzando, in maniera crescente, un distacco da se stesso, finché da ultimo  fu capace di vedere come da lontano se stesso e il significato della sua vita e della sua opera.”(Aniela Jaffé Prefazione a Ricordi Sogni Riflessioni – dicembre 1961)

Accanto al  dato autobiografico: gli anni della scuola e dell’università, i viaggi, l’inizio dell’attività psichiatrica, il fondamentale incontro con Freud,  troviamo anche lo sviluppo del pensiero teorico di Jung, il racconto delle sue tensioni, difficoltà, visioni e sogni.

Il glossario di C.G.Jung Ricordi sogni riflessioni riportato in appendice, insieme ad un gruppo di lettere (tre delle quali firmate da Freud) è utilissimo al lettore per meglio orientarsi nell’appassionante materia, che è biografica e scientifica nello stesso tempo.  Una lettura che scorre con facilità  ricca di episodi umani ed appassionanti.

  • Autore: Jung Carl Gustav
    A cura di Aniela Jaffè
    Editore BUR
  • Pag. 496
    Anno: 1998
  • Euro: 10,12
  • Acquista online

 

Marzia Mazzavillani Copyright © Vietata la riproduzione del testo
Condivisioni

 

Salva

Jung Ricordi sogni riflessioni ultima modifica: 2013-01-12T21:09:43+00:00 da Marni