Che significato hanno i controllori nei sogni? Sognare controllori, vederli, parlare o discutere con loro è un’immagine che presenta qualche interesse? Oppure controllori nei sogni al pari di bigliettai e guardiani sono solo figure accessorie di simboli più significativi come il treno o l’autobus? Scopriamo in questo articolo a quali parti della personalità del sognatore si connettono i controllori nei sogni ed in che modo si collegano alla realtà vissuta.

controllori nei sogni

controllori nei sogni

Controllori nei sogni sono simbolo dei Sè psichici legati alle regole ed alla necessità di seguirle. Sono una sorta di Super-Io freudiano che si incarica di vegliare sul sognatore e sulle possibili trasgressioni messe in atto dalle parti di sé più ribelli e anticonformiste.

Controllori nei sogni sono portatori eccellenti delle norme introiettate nell’arco della crescita e, per questa ragione, riflettono i valori dell’educazione familiare, religiosa e sociale. L’interazione dei controllori nei sogni con gli altri personaggi onirici o con l’io che vive il sogno, metterà in luce tali regole, le possibili situazioni di disagio e i conflitti inconsci creati da comportamenti giudicati “sbagliati” dal proprio sistema psichico.

Significato dei controllori nei sogni

Controllori nei sogni e bigliettai nei sogni hanno lo scopo di verificare che il sognatore sia “in regola” (adeguato al contesto in cui vive). Compaiono in genere nel treno nei sogni, oppure nell’autobus, nel tram, all’ingresso di un edificio pubblico (cinema, museo, grandi magazzini) dove segnalano la trasgressione di una regola da parte dell’ io onico del sognatore o l’inadeguatezza di questi rispetto alla situazione.

Tipico è sognare di viaggiare senza biglietto, vedere il controllore che si avvicina e sentire ansia per la paura di esser scoperti, oppure sognare di non trovare più il biglietto nel momento in cui viene richiesto e sentire vergogna di fronte agli altri passeggeri.

Ecco come appaiono i controllori nei sogni ricorrenti fatti da una giovane, sogni comuni legati alla relazione con la realtà, al muoversi all’esterno della famiglia, all’andare nel mondo:

” Sogno ripetutamente mezzi di trasporto, mi ritrovo in treni affollatissimi o in stazioni deserte.  Perdo i mezzi, non trovo il biglietto, oppure lo trovo ma non riesco a darlo al controllore e ci sto malissimo. Questi sogni li vivo come veri incubi. (Sonia- Genova)”

Controllori nei sogni sono il simbolo di un possibile giudizio da parte degli altri (ma pure di se stessi) mentre il biglietto nei sogni è il simbolo del proprio essere “a norma”: dell’essere come tutti gli altri, capace di fare, capace di vivere in quel contesto.

Ma le paure e le ansie sentite in questi sogni e provocate dall’opera di controllo riflettono un’insicurezza del sognatore, la paura di non essere all’altezza della situazione.

Quando compaiono controllori nei sogni sarà importante chiedersi se anche nella realtà si teme di non “avere il biglietto” e di non “essere in regola“, si teme cioè di non essere all’altezza di quello che viene richiesto, di non avere le capacità per affrontare il mondo del lavoro, delle relazioni o per affrontare una specifica situazione.

[bctt tweet=”Sognare un controllore: si teme di non avere il biglietto e di non essere in regola?”]

Controllori nei sogni reclamano l’attenzione sul bisogno di omologazione che hanno alcune alcune parti di sé, ma possono essere anche un richiamo verso i propri doveri (di studente, di lavoratore, di capofamiglia).

In alcuni sogni possono avere una funzione rassicurante e di adattamento alla realtà, di confronto e responsabilità verso le difficoltà e le azioni utili al perseguimento di un obiettivo. In altri sogni possono apparire come figure protettive verso il sognatore di fronte ad altri personaggi onirici strani o pericolosi  e rappresentare così il controllo e la sicurezza della coscienza di fronte ai Sé rinnegati, oppure essere un’immagine di conferma verso un cammino intrapreso.

Controllori nei sogni simbolizzano la verifica, il controllo, il confronto con gli altri ed il possibile giudizio negativo che ne può derivare  e sono sempre presenti nell’individuo sia a livello singolo che collettivo.

Ma non sempre la loro presenza viene vissuta come negativa ed ansiogena e non sempre allude a conflitti interni, quando la presenza di controllori è vissuta con calma e sicurezza è un segnale positivo di adattamento alla realtà e di equilibrato controllo delle proprie emozioni.

La relazione dei controllori nei sogni con altri personaggi onirici porterà l’attenzione su aspetti più o meno riconosciuti della personalità che forse spaventano il sistema primario, aspetti che non sanno e che non vogliono controllarsi, aspetti che amano trasgredire e ribellarsi, aspetti zingareschi, disordinati, malavitosi che sono parte dell’ombra junghiana.

Un esempio di questo sono i controllori nei sogni che mettono in fuga un malvivente che sta tentando di derubare il sognatore, oppure  che proteggono da passeggeri dall’aria equivoca e sentiti come potenzialmente pericolosi: zingari, uomini di colore, extracomunitari.

Osservando quello che accade fra i controllori nei sogni e gli altri personaggi sarà possibile cogliere le polarità psichiche in azione ed aspirare ad un equilibrio fra ciò che è possibile integrare e che può ampliare la coscienza e l’esperienza del sognatore, e le istanze più protettive e conservatrici, legate alla sicurezza ed ai valori socialmente accettati.

E anche quando non emergano energie diametralmente opposte, la presenza dei controllori può mettere in evidenza aspetti più tranquilli, ma ugualmente fuori dalle regole come accade in questo sogno:

Ho sognato di correre disperatamente per prendere il treno che è già partito. Il controllore dal finestrino mi urla di fermarmi e di non salire, mentre un altro uomo mi allunga una mano dalla porta del treno ancora aperta.

Io la afferro e lui mi aiuta a salire. Una volta sul treno vedo che quest’uomo che mi ha aiutato ha le sembianze di un collega d’ufficio, una persona che detesto perché è disordinato, disorganizzato, caotico e si atteggia ad artista incompreso.  (Marco-Vicenza)

Il nostro sognatore è una persona ordinata, precisa, ligia. Ma nel sogno infrange le regole di sicurezza espresse dal controllore, rappresentazione del suo buon senso e del bisogno di fare le cose giuste per stare sul sicuro.

Nel sogno afferra la mano del detestabile collega, solo così può salire sul treno che desidera prendere. Questo significa che nel sogno lui “abbraccia” simbolicamente proprio gli aspetti che nella realtà giudica e disprezza.

E sono proprio questi aspetti più lontani dalla sua coscienza, più lontani dal suo modo di essere che gli consentono di “prendere il treno ” (afferrare al volo qualche opportunità, aderire ad un progetto, realizzare un sogno, seguire il suo processo di crescita) e sono proprio queste qualità che possono sostenerlo in quello che desidera fare.

Il sogno mostra che, pur di seguire un progetto o un’idea, il sognatore sta derogando a tutte le sue convinzioni e regole interiori. Sta rischiando, sta mettendosi in gioco.

Controllori nei sogni Le immagini più comuni

Situazioni in cui fanno la loro apparizione i controllori nei sogni sono piuttosto limitate: i mezzi di trasporto prevalgono, ma sono presenti anche edifici pubblici o l’ingresso di feste, fiere e manifestazioni. Ed ognuno di questi contesti in cui agiscono i controllori nei sogni ha un peso nell’analisi. Analisi che dovrà tener presente anche il comportamento del controllore e le emozioni sentite dal sognatore.

1. Sognare un controllore e non avere il biglietto

è forse l’immagine più frequente in assoluto che si adatta a diverse situazioni e che si collega al non sentirsi a proprio agio, al non sentirsi  alla pari con gli altri, non avere il diritto d’entrata, metafora che esprime il proprio senso di inferiorità in qualche ambito.

Un sogno questo che può riflettere anche aspetti del proprio critico interiore, una sub-personalità per la quale non si è mai abbastanza, che confronta l’individuo con gli altri facendolo sentire sempre diverso e sempre perdente.

2. Sognare un controllore che chiede il biglietto e non riuscire a trovarlo

riflette l’ansia di sentirsi a posto e di esser all’altezza delle aspettative; non si ha molta fiducia in se stessi, si cerca di mantenersi al passo con gli altri, di fare le cose che vanno fatte, ma con molta fatica e spesso con la sensazione di non farcela.

3. Sognare di chiamare il controllore

per un’infrazione altrui, indica la propria insicurezza. Seguire le norme accettate ha lo scopo di mantenere a bada impulsi più incontrollati che forse emergono nel sognatore. Può indicare anche un proprio aspetto di intolleranza, di controllo e di impazienza che l’inconscio enfatizza nel sogno.

4. Sognare di esser rimproverati da un controllore

è un chiaro simbolo di un Super -Io in azione e di un possibile senso di colpa rispetto a qualche cosa fatta o detta. Il sognatore dovrà indagare sulla propria realtà: forse ha tenuto atteggiamenti diversi dal solito, forse ha allentato i freni inibitori ed ha mostrato emozioni che di solito tiene nascoste.

5. Sognare un controllore che ci vieta l’ingresso

a seconda delle sensazioni sentite e del luogo vietato, può indicare una parte di sé rinunciataria e ritirata che non ama esporsi nelle situazioni sociali, oppure può far pensare ad un messaggio dell’inconscio: il sognatore deve stare in guardia, non entrare in qualche disputa, non accettare un impegno, una relazione, una responsabilità.

E’ un sogno che a livello oggettivo equivale ad un segnale di stop, mentre a livello soggettivo fa pensare ai propri veti interni, ai condizionamenti, adattamenti ed abitudini sclerotizzanti che impediscono di fare passi verso qualcosa di nuovo.

Controllori nei sogni provocano ansia, agitazione, disappunto, possono essere un’energia a di blocco e di rinuncia oppure possono far emergere la possibilità per l’io onirico di aggirarne la sorveglianza facendo emergere parti anarcoidi e libere che  compensano personalità rigide e controllate, ma possono anche indicare la protezione ed il controllo offerto dalla educazione e dalla società civile di cui il sognatore disorganizzato e indeciso può avvalersi per raggiungere uno scopo.

Marzia Mazzavillani Copyright © Vietata la riproduzione del testo
Shares

Testo ripreso ed ampliato da un mio articolo pubblicato sulla Guida Sogni Supereva nel novembre 2005

Controllori nei sogni Sognare controllori ultima modifica: 2015-06-16T07:00:08+02:00 da Marni