“Sogni al tempo del CoronaVirus” ha lo scopo di raccogliere i sogni dei lettori legati al momento drammatico che tutti stiamo affrontando e di capire come risponde l’inconscio individuale all’emergenza e alla crisi. I sogni sono infatti una sorta di riflessione profonda, a volte alternativa a quella della coscienza, sul senso di precarietà e sulle incognite di una situazione del tutto nuova da affrontare. E possono darci indicazioni preziose.

Shares

coronavirus-nei-sogni

coronavirus nei sogni

I SOGNI al tempo del CORONAVIRUS, come già accaduto in passato con altri avvenimenti improvvisi e drammatici quali terremoti, tsunami, attentati terroristici (es. l’11 settembre), riflettono il clima di incertezza, la paura, l’inquietudine che le persone vivono mentre sono impegnate a capire ed accettare un’insolita realtà.

Quando si verificano situazioni gravi, improvvise, ricche di incognite ognuno si trova a riflettere sul bombardamento di informazioni che vengono dai media, ad affrontare i cambiamenti e infine adattarsi.

Non è una cosa semplice, il lavorio mentale conscio ed inconscio è enorme e drenante e finisce per alimentare nell’uomo comune un sentimento collettivo di confusione e di paura.

Ma è in momenti come questi che, ancora di più del solito, l’inconscio individuale convoglia nei sogni il tormento e la fatica vissuti e risponde con i suoi simboli, le sue compensazioni e le possibili, personalissime, soluzioni al problema e all’incertezza.

Sogni al tempo del CoronaVirus  Quali filoni di indagine?

I sogni al tempo del CORONAVIRUS spesso NON presentano immagini direttamente collegabili all’epidemia o ai contagi, ma rispecchiano l’ansia e le incognite di avvenimenti conseguenti ed inaspettati.

Questo succede perchè il problema coinvolge e spaventa il sognatore al punto che il meccanismo del sogno (per impedire un risveglio anticipato) crea immagini alternative che nulla hanno a che fare con la realtà o che la presentano trasfigurata, ma in cui concentra ugualmente la carica emotiva e la tensione vissuta durante la vita diurna.

I sogni che mi sono arrivati in questo primo periodo di emergenza, che ho etichettato come SOGNI al tempo del CORONAVIRUS, non presentano infatti immagini di malattia e epidemie (non ancora), ma vi ho individuato tre filoni diversi caratterizzati da:

  •   Ansia e incapacità di azione rispetto a ciò che sta accadendo nel sogno
  •   Eventi straordinari e meravigliosi dalla connotazione numinosa e salvifica
  •   Apparizioni spirituali o di defunti dall’aspetto protettivo e consolatorio

Sogni di Ansia e Incapacità

Sono sogni in cui l’IO onirico avverte una sensazione di incapacità di affrontare la realtà onirica.

Il sognatore spesso si sente bloccato e non riesce a muoversi, oppure avverte incombente la presenza di un pericolo di grave entità che teme di non riuscire a superare.

Sono tipici i sogni di maremoti, di grande onde minacciose, di terremoti

Sono forse i sogni più comuni perchè rispecchiano situazioni altrettanto comuni nella vita, e che forse in questo momento sono solo intensificate dall’incertezza collettiva e dalla mancanza di soluzioni.

Sogni di Eventi straordinari

In questi sogni la narrazione onirica è quasi inesistente e tutto si concentra in un evento estraneo, miracoloso e dall’energia numinosa che appare come:

  • un nuovo inizio
  • la scoperta di luoghi meravigliosi e nascosti
  • una nascita miracolosa

Eventi e che lasciano una sensazione di meraviglia, di incredulità, ma anche di euforia, di curiosità, di senso di verità o di percezione di una realtà più ampia, complessa e misteriosa di quella che ci si trova a vivere.

Queste immagini sono simboli archetipici che che hanno la funzione di compensare le incognite del futuro e la mancanza di fiducia, che mirano a dare speranza, che hanno un ruolo risanatore.

Attraverso questi sogni l’inconscio collettivo offre le energie arcaiche necessarie ad affrontare ogni nuova fase dell’umanità, ogni cambiamento epocale, ogni catastrofe.

E l’inconscio aiuterà ad affrontare anche il CORONAVIRUS.

Sogni di apparizioni soprannaturali

Sono i sogni in cui compaiono immagini di Santi e Divinità, Madonne ed Angeli a cui rivolgersi pregando o che accorrono in soccorso del sognatore sofferente.

La stessa funzione hanno i propri defunti più cari: padri, madri, nonni che si presentano a volte con messaggi precisi e rassicuranti (Va tutto bene, Hai fatto bene, Vai avanti così), incoraggianti e consolatori.

Anche questi sogni hanno una portata più ampia di quella reale e tendono a portare calma e serenità al risveglio (anche quando nel sogno si avverte disperazione e sofferenza).

Rispondono quindi al bisogno di ANDARE AVANTI senza farsi sommergere dalle difficoltà e confidando in una protezione superiore.

Sogni al tempo del CoronaVirus  Fine aprile 2020

sogni-e-coronavirus

sogni e coronavirus

Ho deciso di aggiungere questo paragrafo di aggiornamento, perchè dopo quasi due mesi dall’inizio del lockdown sono in grado di valutare il cambiamento nei sogni che mi sono arrivati, il cui numero è aumentato considerevolmente e presenta immagini più esplicite e attuali.

Questo NON significa che la gente sogna di più come ho letto da qualche parte, ma che con la reclusione forzata e lo smart-working tutti i ritmi familiari sono modificati.

Le persone non devono uscire la mattina per andare al lavoro, questo comporta meno frenesia e risvegli più lenti, spesso senza il suono della sveglia e favorisce il ricordo dei sogni che possono apparire più colorati e luminosi e accompagnati da emozioni più intense (un meccanismo che favorisce il ricordo).

Inoltre, la situazione anomala e piena di incognite della pandemia richiede una elaborazione interna continua e “l’intelligenza interna“di ognuno fa la sua parte creando i sogni e favorendone il ricordo.

Come avevo immaginato sono cambiate anche le immagini dei sogni al tempo del CoronaVirus, perchè sempre più spesso compaiono scene con epidemia, paura del contagio, situazioni e regole del decreto sicurezza.

Si può ipotizzare che l’inconscio individuale si sia preso tutto questo tempo prima di creare una realtà senza filtri nei sogni, e solo ora possa permettersi di essere meno “ermetico”.

Questo può succedere perchè le persone hanno gradualmente integrato ed accettato la situazione, le immagini dell’epidemia sono ormai parte del collettivo quotidiano e vederle nei sogni, pur con tutte le emozioni connesse e la grande vulnerabilità che portano a galla, non è così shoccante e causa di potenziali risvegli come all’inizio dell’emergenza.

La protezione del sonno è una regola importante a cui obbedisce il meccanismo del sogno e in questo momento di destabilizzazione, in cui tanti soffrono di insonnia, ogni sogno è un prezioso alleato del riposo oltre che del proprio processo personale.

Sogni al tempo del CoronaVirus  Lascia il tuo sogno

Sono convinta che lo scopo dell’inconscio e dei suoi sogni nei momenti di crisi sia quello di portare a galla le fragilità del sognatore, ma sopratutto di offrirgli la forza per sopravvivere.

Sono convinta che abbia quindi un intento vitale legato alla SOPRAVVIVENZA della specie.

E che possa anche stimolare nuove e più creative soluzioni che aiutino a superare la CRISI e che la trasformino veramente in una OPPORTUNITÀ.

Per questo desidero approfondire l’argomento creando un database di SOGNI al tempo del CORONAVIRUS, e lo posso fare solo riunendo in modo organico ed organizzato i sogni che arrivano in questo momento drammatico.

Se desideri contribuire a questo progetto ti invito a leggere di seguito:

Dove posso lasciare il mio sogno ?

Come sempre puoi postarlo fra i commenti all’articolo.

Come faccio a capire se il mio è un sogno di crisi ?

Puoi vedere se il tuo sogno rientra in uno dei tre filoni indicati sopra, oppure se si presenta con chiare immagini di malattia, epidemia e misure ospedaliere o rispecchia episodi trasmessi dai media. In ogni caso puoi fidarti delle tue sensazioni al riguardo.

Come devo scrivere il sogno?

Scrivi in modo sintetico, senza esagerare con i particolari e privilegiando le sensazioni provate nel sogno e al tuo risveglio. Puoi anche aggiungere qualche informazione su di te.

Evita assolutamente le abbreviazioni da sms, controlla che ci sia la punteggiatura e correggi gli errori.

Come sanno tutti i sognatori che frequentano questo spazio, amo educazione e cortesia, per questo ti chiedo di aprire il tuo sogno con un saluto.

Riceverò una risposta?

Questa guida conta attualmente più di 18.000 commenti, la metà sono sogni inviati dai lettori, la metà sono le mie risposte.

Quindi, come sempre cercherò di dirti qualcosa compatibilmente con il tempo a disposizione e la mia energia fisica e mentale.

Valuta i tempi di attesa e sii paziente.

Marzia Mazzavillani Copyright © Vietata la riproduzione del testo



Prima di lasciarci

Ricorda che puoi scrivermi in privato se desideri approfondire il tuo sogno con una consulenza privata.

Grazie se ora mi aiuti a diffondere il mio lavoro

CONDIVIDI L’ARTICOLO e metti il tuo MI PIACE

Shares

  • Iscriviti gratuitamente alla NEWSLETTER della Guida altre 1600 persone lo hanno già fatto ISCRIVITI ORA

Sogni al tempo del CoronaVirus Come l’inconscio risponde alla crisiultima modifica: 2020-03-11T07:00:30+01:00da Marni